fanove_castellana.jpg

Come ogni anno dal 1691, la notte fra l'undici e il dodici Gennaio la città di Castellana Grotte commemora la liberazione dalla peste ad opera della Madonna SS. della Vetrana, che in sogno indicó a due sacerdoti di ungere gli infermi con l'olio della sua lanterna e di bruciare tutto ciò che era stato in contatto con loro.

Come da tradizione, la domenica antecedente all'undici gennaio (quest'anno è il 10/01) in primissima mattinata (3.00) un folto gruppo di fedeli accompagnati dalla banda si raduneranno per la "La Diana", in cui il festoso gruppo farà visita ai frantoi per recuperare l'olio da donare alla Madonna . "La Diana" si concluderà con la messa alle ore 7.00 nel santuario a lei dedicato.

Il clou delle commemorazioni inizia il giorno undici alle ore 19.00 , presso largo San Francesco d’Assisi (slargo antistante il santuario),con l'accensione della fanova del Santuario Madonna della Vetrana, e di lì il sacro fuoco giungerà in processione in largo Porta Grande per l’accensione delle altre fanove, quest'anno saranno circa un'ottantina dislocate per tutto il territorio castellanese.

Anche noi in sinergia al p.e., in merito alla presenza sul territorio per far rete per essere parte integrante del tessuto sociale religioso e culturale del nostro paese, contribuiamo alla commorazione tramite la realizzazione di un piccolo Falò (catasta di legna che arde per ricordare ciò che accadde nel 1691) presso la nostra sede sita in San Leonardo in via San Leonardo 38, dove al tepore delle fiamme del falò si potrà degustare i sapori tipici della tradizione con frittelle, "imbanot" (fave bianche mischiate con verdura di campo e pane), le fantastiche polpette di pane della sig.ra Silvana e tanto ottimo vino.


Lunedì 11 gennaio 2016

LE FANOVE - Falò, fede, gastronomia locale, musiche popolari e intrattenimento nella città e nell’agro.

ore 19:00, presso largo San Francesco d’Assisi, accensione della fanova del Santuario Madonna della Vetrana. Di qui il sacro fuoco giungerà in processione in largo Porta Grande per l’accensione delle altre fanove;