Fermenti generativi: battiti di cuore per percorrere strade nuove

fermenti generativi

www.puglia.agesci.it/FermentiGenerativi

Fermento, in latino fermentum, termine che nel passato indicava ogni microrganismo in grado, se in contatto con la materia, di portarla a scomporsi, a modificarsi, ad esser cosa nuova.

Il lievito è un fermento: è  il fermento per eccellenza. E  come tale  è importante, è essenziale.

Che cosa sarebbero acqua e farina senza lievito? E cosa sarebbe il lievito se soltanto lievito?

Il lievito non rimane lievito per sempre, incontrata la materia si trasforma. Si mescola con la farina e con l’acqua. Insieme, solo insieme, diventano pane.

Essere lievito significa essere così capaci di impastarsi con la realtà e di generare un nuovo processo, un cammino di straordinaria trasformazione.

Il mondo scricchiola. Essere lievito oggi è davvero una grande e bella sfida.

E’ partecipazione attiva ed intensa, è coinvolgimento, è incontro che supera l’indifferenza, è esser dentro i processi sociali per farne emergere tutte le potenzialità, è mescolarsi alla pasta umana per farla crescere, è vivere con passione la propria vita, è percorrere strade nuove con il cuore.

Di questo lievito abbiamo sempre più bisogno, perché, come canta Jovanotti, l’unico pericolo che corriamo veramente è quello di non riuscire più a sentire niente, nessun battito dentro al petto, nessuna passione.

Ed il linguaggio del cambiamento sono le persone, sono i nostri R/S e le loro Comunità. Siamo certi che loro sono il vero lievito, vivo e buono.

A loro auguriamo di lasciarsi mescolare ed impastare, così da diventare pane vivo sulle tavole della nostra terra.  

Se non ora, quando?

E allora che per il nostro cuore ci siano “battiti per un’economia civile”, “battiti per la nostra Terra, solchi di verità e giustizia”, “battiti per la comunicazione”, “battiti per l’ambiente”.

Il nostro cuore ha bisogno di battiti. Battiti che ci aiuteranno ad esser Fermenti Generativi per la nostra amata terra!

 

www.puglia.agesci.it/FermentiGenerativi

 

Buona strada,

Tania, Marco, don Michele e la pattuglia R/S