RoveringToHolinessUn percorso nella strada di santità

Strada e Santità sono due sinonimi che siamo chiamati a mettere insieme grazie alprezioso contributo che il Successore di Pietro, il papa Francesco, ci ha donato nellarecentissima Esortazione Gaudete et exsultate.

Quando noi pensiamo alla santità il pensiero ricorre a tante immagini immobili, a personerivestite di aureole, a staticità. In realtà, dietro a immagini statiche si nascondonovite dinamiche non solo di uomini e donne del passato, canonizzate e non, ma anchetanti del nostro presente e, perché no?, anche ciascuno di noi… i nostri ragazzi e tanti altri.

Chi sono i santi?

Sono quelli che hanno scelto di fare strada, sono quelli che hanno lottato e lottano perpercorrere la strada migliore, sono quelli che desiderano una vita buona, vera e bella.Sono quelli che sbagliano e si rialzano, sono quelli che ricevono lungo la strada, masanno anche dare nel servizio. Sono quelli che scelgono di non camminare in solitaria,ma godono della compagnia del Signore (io sono la via…) e dei fratelli e delle sorelle.

Scopo di questo percorso è aiutare i nostri rover e le nostre scolte a cercare la santitànon in staticità, non in cose impossibili, ma nel quotidiano, nel normale della vita, perstrada, camminando.

Il sussidio è molto semplice, ci sono dei riferimenti all’esortazione del papa e ai testi del Vangelo per la lectio. Ci sono delle idee che potrebbero essere utili per il discernimentonella comunità RS, idee che possono diventare condivisione tra le comunità pugliesi.

È ovviamente possibile ideare altre proposte per il cammino di fede. Ciò che è importanteè suscitare un discernimento comunitario dove la santità non rimanga unconcetto da catechismo, magari da apprendere e memorizzare, e diventi una scelta dacompiere personalmente ed insieme agli altri… una strada concreta.

Buona strada!!!

Tania, Marco, don Michele e la pattuglia RS

BC Libera 2018

A questo popolo invisibile della pace, dall’Arena di Verona, giunga la nostra solidarietà.

Ma anche il nostro incoraggiamento: con le parole delle beatitudini, secondo la traduzione che Sostituisce il termine “beati” con l’espressione “in piedi”.

“In piedi, costruttori di pace. Sarete chiamati figli di Dio”.

Don Tonino Bello,

discorso pronunciato all’Arena di Verona, il 30 aprile 1989,

 alla vigilia dell’Assemblea ecumenica di Basilea

Carissimi Rover, Scolte e Novizi/e,

come molti di voi sapranno, quest’anno si svolgerà

a Foggia il 21 marzo 2018

la XXIII Giornata della memoria e dell’impegno

in ricordo delle vittime innocenti delle mafie,

promossa da Libera.

Molti fratelli di strada della Puglia stanno già lavorando sul tema, partecipando al bando “Fermenti Generativi” indetto dalla Branca RS Puglia, altri si stanno ancora interrogando, tutti siamo chiamati a metterci in cammino, secondo le nostre specificità, per lasciare il mondo libero dalle mafie.

Sentiamo, però, il bisogno di lavorare insieme per lavorare meglio.

Per i Clan/Fuoco della Puglia

Per farlo abbiamo aperto un evento su buonacaccia.net “Terra, solchi di verità e giustizia” dove è possibile iscriversi tramite il rispettivo capo clan/fuoco o mastro/a dei novizi: AGESCI, infatti, sarà presente alla marcia con le mani, i cuori e i piedi di ogni rover, scolta, novizio/a  e capo.

Vi chiediamo di condividere il vostro capitolo/impresa partecipando al bando “Fermenti Generativi” ma se la vostra carta di clan vi chiede di impegnarvi in altro, vi chiediamo di voler dedicare anche solo un po’ di tempo del vostro programma di comunità alla memoria e al’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, anche e soprattutto di quelle vittime che nessuno conosce, anche e soprattutto di quelle vittime di mafia che hanno lottato a costo della vita per la giustizia e la pace nella vostra cittadina, nel vostro territorio.

Abbiamo bisogno di coordinare l’afflusso a Foggia ma, soprattutto, abbiamo bisogno di credere insieme, di testimoniare agli occhi del mondo che saranno puntati su Foggia, che un mondo libero dal cancro mafioso è possibile; abbiamo bisogno di tante mani pronte a cambiare la realtà che viviamo per riuscire a “sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si contrappone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”.

A breve arriverà, in ciascuna delle sedi dei clan/fuoco e noviziati della Puglia, un mattonella: un piccolo pezzo del grande “mosaico della giustizia” che siamo chiamati a realizzare, da cittadini, da cristiani, da scout.

Un mattonella anonima, senza nessun valore, senza nessuna espressione.

Una mattonella che non può cambiare il corso della storia se non viene animata dalle nostre azioni, dalle nostre scelte, dal nostro impegno.

Vorremmo che ogni comunità accogliesse la mattonella anonima e ne facesse un “capolavoro”: la mattonella, divenuta capolavoro, non sarà più anonima e chiunque la vedrà potrà conoscere l’impegno di tante scolte e tanti rover che lottano per la giustizia, per la pace, per un mondo migliore libero dalle mafie.

Vi chiediamo di portare a Foggia il 20 marzo la vostra mattonella divenuta capolavoro: insieme realizzeremo il mosaico della giustizia e, da Foggia, partirà il nostro grido “in piedi costruttori di pace”, come ha fatto prima di noi il nostro compagno di strada don Tonino Bello.

Vorremmo scrivere insieme - e realizzare con ogni clan/fuoco della Puglia che lo sceglierà – la veglia R/S

don Tonino “Uomo di Giustizia”

grazie al vostro impegno, alle vostre scelte, alle vostre azioni che sapranno diventare canto, danza, spettacolo per ogni donna e uomo libero, di buona volontà, operatore di pace che da Foggia vorrà fare memoria e lottare per il mondo libero dalle oppressioni, dai vincoli, dalle paure, dalle politiche, dalle protezioni e dalle famiglie mafiose.

Per dirigere i nostri passi sulla via della pace abbiamo bisogno dei vostri piedi: iscrivetevi subito! (entro il 23 febbraio).

Per partecipare alla marcia del 21 occorre segnalare la propria presenza a LIBERA, compilando e inviando il modulo: 

 

Per i Clan/Fuoco delle altre regioni o per i Rover e le Scolte delle altre associazioni

Se la tua comunità sta pensando di partecipare alla marcia del 21 e pensate di arrivare a Foggia dal 20: per un supporto logistico sul luogo, vi chiediamo di segnalare la vostra presenza attraverso una pagina di raccolta delle presenze per corordinare l'afflusso, per leggere tante mani, piedi e cuori che lasciano il mondo migliore. Qui potete segnalare la vostra partecipazione al 20 marzo, entro il 23 febbraio. LA PARTECIPAZIONE ALLA MARCIA DEL 21 VA COMUNQUE SEGNALATA A LIBERA, compilando il modulo: 


 

Buona Strada!

Fermenti generativi: battiti di cuore per percorrere strade nuove

fermenti generativi

www.puglia.agesci.it/FermentiGenerativi

Fermento, in latino fermentum, termine che nel passato indicava ogni microrganismo in grado, se in contatto con la materia, di portarla a scomporsi, a modificarsi, ad esser cosa nuova.

Il lievito è un fermento: è  il fermento per eccellenza. E  come tale  è importante, è essenziale.

Che cosa sarebbero acqua e farina senza lievito? E cosa sarebbe il lievito se soltanto lievito?

Il lievito non rimane lievito per sempre, incontrata la materia si trasforma. Si mescola con la farina e con l’acqua. Insieme, solo insieme, diventano pane.

Essere lievito significa essere così capaci di impastarsi con la realtà e di generare un nuovo processo, un cammino di straordinaria trasformazione.

Il mondo scricchiola. Essere lievito oggi è davvero una grande e bella sfida.

E’ partecipazione attiva ed intensa, è coinvolgimento, è incontro che supera l’indifferenza, è esser dentro i processi sociali per farne emergere tutte le potenzialità, è mescolarsi alla pasta umana per farla crescere, è vivere con passione la propria vita, è percorrere strade nuove con il cuore.

Di questo lievito abbiamo sempre più bisogno, perché, come canta Jovanotti, l’unico pericolo che corriamo veramente è quello di non riuscire più a sentire niente, nessun battito dentro al petto, nessuna passione.

Ed il linguaggio del cambiamento sono le persone, sono i nostri R/S e le loro Comunità. Siamo certi che loro sono il vero lievito, vivo e buono.

A loro auguriamo di lasciarsi mescolare ed impastare, così da diventare pane vivo sulle tavole della nostra terra.  

Se non ora, quando?

E allora che per il nostro cuore ci siano “battiti per un’economia civile”, “battiti per la nostra Terra, solchi di verità e giustizia”, “battiti per la comunicazione”, “battiti per l’ambiente”.

Il nostro cuore ha bisogno di battiti. Battiti che ci aiuteranno ad esser Fermenti Generativi per la nostra amata terra!

 

www.puglia.agesci.it/FermentiGenerativi

 

Buona strada,

Tania, Marco, don Michele e la pattuglia R/S